NEWS-CIAM - Cattolici Italiani A Mosca

Vi segnaliamo


News

Calendario_Settimana_Santa


TRIDUO PASQUALE IN DIRETTA STREAMING

L’emergenza coronavirus costringerà inevitabilmente i fedeli cattolici in Italia e quelli in Russia dove si sta diffondendo il contagio, a vivere le celebrazioni della Settimana Santa solo in diretta streaming. Non sarà possibile, infatti, partecipare di persona ai diversi riti, dalla Domenica delle Palme al giorno di Pasqua.

Di seguito qui potete trovare alcune informazioni per collegarsi da casa con la rete internet.

Dirette TV

Con il sito della nostra Cappellania italiana a Mosca sarà possibile seguire dall’Italia le celebrazioni del Triduo Pasquale tramite due connessioni alla rete Internet con dirette TV trasmesse dal canale di YouTube di Vatican Media Live oppure dal sito web di TV2000 (www.tv2000.it/live). Gli orari delle dirette TV trasmesse dall’Italia saranno per la città di Mosca da spostare un’ora in avanti per via della differenza di fuso orario rispetto a Roma.

Gli orari delle celebrazioni in diretta sono i seguenti:

  • DOMENICA 5 APRILE: ore 11,00 (ore 12,00 ora di Mosca) dalla Basilica di San Pietro in Roma - Domenica delle Palme;
  • GIOVEDÌ 9 APRILE: ore 18,00 dalla Basilica di San Pietro in Roma - Messa nella Cena del Signore;
  • VENERDÌ 10 APRILE: ore 18,00 dalla Basilica di San Pietro in Roma - Celebrazione della Passione del Signore;
  • Passione del Signore, Venerdì 10 aprile: ore 21,00 – Via Crucis dal sagrato della Basilica di San Pietro in Roma;
  • SABATO 11 APRILE: ore 21,00 dalla Basilica di San Pietro - Veglia Pasquale;
  • DOMENICA 12 APRILE: ore 11,00 dalla Basilica di San Pietro in Roma - Pasqua di Resurrezione;

Con l’Arcidiocesi della Madre di Dio a Mosca

L’Arcivescovo Mons. Paolo Pezzi celebra la Settimana Santa dalla Cappella della Curia. Per offrire ai fedeli la possibilità di unirsi in preghiera, le celebrazioni liturgiche saranno trasmesse in diretta sul canale di YouTube della Parrocchia dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria al seguente link:

https://www.youtube.com/channel/UCv_ztXSXtfmUW_fSF08kFIA

Orari:

  • DOMENICA 5 APRILE: ore 10,00 – Santa Messa della Domenica delle Palme;
  • SETTIMANA SANTA nei primi tre giorni del 6 Aprile (lunedì), 7 Aprile (martedì) e 8 Aprile (mercoledì): ore 20,00 (ora di Mosca) Santa Messa con riflessione sulla Passione di Cristo, trasmissione dalla Cappella della Curia;
  • GIOVEDÌ 9 APRILE: ore 11,00 (ora di Mosca) - Messa della consacrazione del mondo e la benedizione dell'olio santo (Crisma); ore 20,00 Messa della Cena del Signore;
  • VENERDI’ 10 APRILE: ore 20,00 – Liturgia della Passione del Signore;
  • SABATO 11 APRILE: ore 20,30 – Santa Messa della vigilia della Pasqua;
  • DOMENICA 12 APRILE: ore 10,00 (ora di Mosca) – Santa Messa di Pasqua di Resurrezione.

CLICCANDO QUI SOTTO E' DISPONIBILE ANCHE UN SUSSIDIO PER POTER SEGUIRE DA CASA LE CELEBRAZIONI

   


Anno della Beata Vergine Maria - Madre della Parola di Dio
(25 marzo 2020 - 25 marzo 2021)

16(7)

Lettera pastorale dell'Arcivescovo di Mosca.

Il 25 marzo è stato pubblicato sul sito web dell’Arcidiocesi della Madre di Dio a Mosca, il testo integrale della lettera pastorale dell’Arcivescovo Mons. Paolo Pezzi redatta proprio nel giorno della Festa dell'Annunciazione di Maria per "annunciare" l'anno dedicato alla Beata Vergine Maria - Madre della Parola di Dio.

Il messaggio,
si compone di varie riflessioni ed esortazioni, rivolte a tutti i sacerdoti, religiosi e fedeli della diocesi. Il tema della lettera è incentrato sulla figura della Beata Vergine Maria, Madre della Parola.
Nella lettera pastorale viene comunicato, all'inizio del messaggio, che durante questo anno ci sarà un pellegrinaggio dell'icona della Vergine di Fatima, chiamata "L'unità da te" nelle parrocchie russe.

Il testo originale della lettera pastorale è in russo ed è stato tradotto in italiano dalla redazione del nostro sito web della Cappellania con l’ausilio di un traduttore automatico disponibile on-line sulla rete Internet. Pertanto, ci scusiamo in anticipo se in qualche paragrafo si individuano errori di lessico e alcune imprecisioni per errata traduzione dal russo.

Per la lunghezza del testo originale scritto, riformattato nel carattere e con una nuova impaginazione grafica, vi suggeriamo di scaricare sul vostro dispositivo, computer, tablet o smartphone il file di testo salvato già in formato PDF per poter effettuare una lettura attenta, meditata e completa della lettera pastorale.

Cliccare sopra il testo per aprile e scaricare il file:

Lettera pastorale Arcivescovo Anno Mariano
 


Sfondo_News_COVID-19
 

Arcivescovo Paolo Pezzi: il virus non è una punizione di Dio,
ma una lezione sul valore della vita umana.

Intervista per RIA Novosti (*)

L'epidemia di coronavirus sta cambiando sempre più il solito corso della vita per i russi. Le cose semplici che sembravano naturali oggi devono essere fatte tenendo conto delle esigenze di medici e delle autorità. Il Metropolita dell'arcidiocesi di Nostra Signora a Mosca, presidente della Conferenza dei vescovi cattolici di Russia, l'arcivescovo Paolo Pezzi, ha detto a RIA Novosti quali opportunità offre questa situazione, perché Dio chiama le persone alle malattie e quali mezzi sono più efficaci per combattere il coronavirus. Intervistato da Artem Budyonny.

- Eccellenza, perché è scoppiata l'epidemia di coronavirus? È una punizione dall'alto, è la provvidenza di Dio?

- Immediatamente, quando ci siamo resi conto delle dimensioni dell'epidemia, mi sono rivolto ai nostri credenti con le parole che il coronavirus non è una maledizione o una punizione da parte di Dio. In queste circostanze dolorose, Dio mostra all'uomo che non solo non è onnipotente, ma, al contrario, una creatura fragile e vulnerabile. Nonostante tutti i suoi successi, l'umanità non può risolvere il problema della sofferenza, della morte e del male. Dio ci mostra che abbiamo bisogno l'uno dell'altro, che dobbiamo prenderci cura dei nostri fratelli e sorelle.

- Perché la malattia colpisce tutti contemporaneamente: indipendentemente da fede, razza, genere?

- La comune sventura che ci è capitata rende molto chiaro che la famiglia umana è una, nonostante le molte barriere artificiali che stiamo costruendo per separarci dai nostri fratelli. Come scrive Papa Francesco nella sua enciclica sull'ecologia di Laudato Sii: “Dobbiamo rafforzare la consapevolezza di essere un'unica famiglia umana. Non ci sono confini e barriere politiche o sociali che ci consentano di isolarci, motivo per cui non c'è spazio per la globalizzazione dell'indifferenza. "Ciò è particolarmente vero per i credenti che sono chiamati ad accettare il mondo come un "mistero dell'unità".

- Perché Dio manda malattie all'umanità?

- Quando nel Vangelo a Gesù Cristo viene posta la domanda "per cosa?" la capovolge, dicendo "perché"? Se si può parlare di "punizione" da parte di Dio, solo nel suo senso originale e genuino - non come punizione, ma come lezione, un promemoria di quanto sia preziosa e veramente sacra la vita umana e di ogni suo giorno. Sono sicuro che molti di noi, guardando indietro, si rammaricano di quanto poco abbiamo apprezzato quella stabilità e fiducia, che solo ieri abbiamo dato per scontato. E oggi sogniamo quando alla fine tutto finirà, e di nuovo saremo in grado di fare ciò che abbiamo fatto prima. Dimenticando che in questo modo ci stiamo perdendo un'enorme opportunità per consentire a Dio di cambiare la nostra vita - per vivere per ciò che è veramente e santo.
Ci manca una grande opportunità per permettere a Dio di cambiare la nostra vita - per vivere per ciò che è veramente e veramente santo.

- Esiste una connessione spirituale tra l'epidemia di coronavirus e il tempo delle festività religiose, il calendario religioso. Quale?

- Penso che ci sia un significato molto profondo nel fatto che l'epidemia coincidesse con il tempo della Quaresima, quando i credenti cercano di frequentare i servizi di culto più spesso. E si è scoperto che in alcune città non esiste affatto il culto, e in altre l'opportunità di parteciparvi è molto limitata. E questo, insieme alla naturale ansia per la vita e la salute - i tuoi, i tuoi cari e i tuoi amici. In queste difficili circostanze, siamo chiamati a renderci conto più profondamente che ciò che ci viene richiesto non è l'esecuzione di determinati rituali, ma il culto spirituale di Dio. Che la mia preghiera, così modesta rispetto al solenne servizio nel tempio, possa accompagnare altre persone - e quelli che mi sono vicini e quelli che sono lontani.

- In che modo le restrizioni pandemiche di accompagnamento (nei movimenti, nella comunicazione personale) possono aiutare una persona?

- Nella nostra diocesi abbiamo introdotto restrizioni molto significative alla vita della chiesa, fino alla cancellazione dei servizi pubblici a Mosca e San Pietroburgo, dove è oggettivamente quasi impossibile limitare il numero delle persone presenti alla messa. L'obiettivo principale di questa misura è proteggere i credenti, le loro famiglie e altre persone da una pericolosa infezione che, come ha dimostrato l'esperienza internazionale, purtroppo, molto tragica, si sta diffondendo molto attivamente nell'ambiente della chiesa.

- È possibile e necessario ridurlo con mezzi spirituali? Cosa fare

- Contrastare lo spirituale e il materiale, specialmente in questa situazione, è fondamentalmente sbagliato. Ad esempio, se io, al fine di prevenire la diffusione della malattia, limito il mio circolo di rapporti, di contatti, anche a rischio di perdere il lavoro, questa non è solo una misura "medica", ma una realizzazione concreta del comandamento dell'amore per il prossimo. Al contrario, se per qualche motivo sono pronto a ignorare il rischio personale di infezione, allora non ho il diritto di ignorare il rischio sociale, per la collettività - le possibili conseguenze negative per altre persone. Questa non è solo irresponsabilità, ma una violazione diretta del quinto comandamento del Decalogo: "non uccidere".
In generale, la fede e la spiritualità si manifestano meglio non in grandi opere, ma in azioni semplici e concrete.

Pubblicazione originale:

https://bit.ly/3dAx1h7

(*) Agenzia di informazione internazionale russa



AVVISO SOSPENSIONE DELLA GIORNATA COMUNITARIA DEL 29 MARZO 2020
ANNULLAMENTO DELL'INCONTRO PUBBLICO DAL TITOLO: "CRISTIANI D'ORIENTE, COME AIUTARLI"


A causa dei provvedimenti decisi dal Sindaco di Mosca per far fronte all’emergenza sanitaria da Coronavirus nella capitale e delle recenti misure prese dall’Arcivescovo di Mosca per il contenimento di possibili contagi - negli assembramenti di fedeli in celebrazioni liturgiche pubbliche con più di 50 persone - che hanno determinato la decisione di sospendere temporaneamente tutte le celebrazioni delle messe pubbliche nelle chiese cattoliche di Mosca e di San Pietroburgo nel periodo dal 22 marzo al 5 aprile 2020, come comunicato e pubblicato in questa pagina alcuni giorni addietro, oggi 
Vi annunciamo che la III Giornata comunitaria - prevista per il 29 marzo prossimo - è stata sospesa.

Di conseguenza è stato annullato l’incontro pubblico pomeridiano - previsto in programma alle ore 16:00 con l’ascolto della testimonianza di Fr. Bahjat Karakach (frate francescano siriano) da Damasco presso la Sala grande della Curia (accanto alla cattedrale dell'Immacolata Concezione) - che non avrà luogo.

Siamo certi che, per la natura della crisi in atto e in continua evoluzione, comprenderete la decisione presa. 

La raccolta delle offerte
in denaro da devolvere come aiuto concreto ai Cristiani d’Oriente della parrocchia cattolica di rito latino a Bab Touma nel centro storico di Damasco in Siria non è annullata ma è solo, momentaneamente, sospesa. Appena sarà ripristinata la possibilità di effettuare assembramenti di persone senza limitazioni di numero e sarà consentita la libera partecipazione alle celebrazioni liturgiche pubbliche nella chiesa di San Luigi dei Francesi, la raccolta delle offerte PRO-SIRIA riprenderà.



Lettera dell'Arcivescovo sulla cancellazione dei servizi di culto pubblici
a Mosca e a San Pietroburgo e sulla loro restrizione in altre città

Cari fratelli e sorelle,

oltre alle mie precedenti lettere del 13 marzo 2020 e del 18 marzo 2020 e al decreto n. 41/20 del 18 marzo 2020, tenendo conto delle raccomandazioni del governo di Mosca e con la fiducia che per noi tutti, in uno spirito di sacrificio e di amore reciproco, sia necessario fare un ulteriore passo, ho preso una decisione da domenica 22/03/2020 a giovedì 09/04/2020 di sospendere tutti i servizi di culto pubblici a Mosca e San Pietroburgo.

In altre parrocchie, i servizi di culto pubblici sono consentiti solo se il numero di persone nella chiesa non supera le 30 (trenta) persone; la distanza tra le persone non sia inferiore a 2 (due) metri; tutti i partecipanti utilizzano dispositivi di protezione individuale (ad es. mascherine sanitarie).

Chiedo ai credenti di pregare a casa e, se non assolutamente necessario, di non frequentare la chiesa. In questo momento concedo a tutti coloro che sono credenti una dispensa dall'obbligo di partecipare ai servizi di culto della domenica e nei giorni festivi.

Al momento, dobbiamo renderci conto che la concreta umanità di ogni credente è una via di salvezza non solo per sé stesso ma per l'intera società. Pertanto, dobbiamo proteggere la salute di ogni persona, in particolare dei più vulnerabili e degli anziani. Comprendo molto bene che le misure che sto adottando, e che potrebbero non essere le ultime, potrebbero indurvi a essere frainteso, imbarazzati o addirittura indignati. È in questi momenti che dobbiamo rivolgerci a San Giuseppe, come abbiamo fatto in modo speciale ieri, nel giorno della sua festa. San Giuseppe non ebbe paura di prendere tutte le misure necessarie per preservare la vita di Gesù e di sua moglie Maria. Anche se non capiva tutto fino alla fine, nei momenti più difficili era sicuro della volontà di Dio, che l'angelo gli aveva annunciato. Per noi oggi, l'Angelo è la voce della Chiesa, motivata solo dalla preoccupazione per il benessere dei suoi figli.

Esorto i sacerdoti che sono responsabili di quelle parrocchie e comunità di cui ho parlato sopra di informare il mio popolo il più presto possibile e nel modo più completo possibile e, se possibile, di avere cura di svolgere almeno un servizio di adorazione ogni giorno, a cui i fedeli potrebbero partecipare da remoto. Chiedo anche a questi sacerdoti, specialmente domenica prossima, di essere pronti a ricevere quei credenti che, non conoscendo le misure stabilite, verranno nelle chiese. Quando si distribuisce la Santa Comunione, lasciare che i sacerdoti osservino rigorosamente tutte le misure di sicurezza sanitaria e, in caso di un gran numero di persone che si radunano, spieghino loro la situazione e chiedano loro di tornare immediatamente a casa. Chiedo anche ai sacerdoti di essere pronti a ricevere individualmente i credenti che, in caso di emergenza, verranno in chiesa per pregare, per confessarsi e per ricevere la Comunione.

Cari fratelli e sorelle, la Santa Messa non viene cancellata, le chiese non si chiudono! I sacerdoti continueranno a celebrare le Sante Messe in forma privata. Queste messe sono celebrate per il bene della gente e voi dovete conoscerlo e comprenderlo. In queste difficili circostanze, esorto tutti voi a prendere parte alla comunione spirituale. Questo può essere fatto durante il rito di comunione, se state partecipando alla trasmissione della Santa Messa, o in qualsiasi altro momento opportuno leggendo la seguente preghiera:

Ai tuoi piedi, o mio Gesù, ti do
e ti porto il pentimento del mio cuore spezzato,
immerso nella mia insignificanza
e nella tua santa presenza.
Ti adoro nel sacramento del tuo amore
e desidero accoglierti nel povero monastero che il
mio cuore ti offre.
In previsione del momento felice in
cui ti riceverò nella Santa Comunione,
desidero riceverti spiritualmente.
Vieni da me, o mio Gesù,
affinché io possa venire da te.
Il tuo amore infiammerà tutto il mio essere,
nella vita e nella morte.
Credo in te, spero in te, ti amo.
Amen.

Cari fratelli e sorelle,

accettate le mie parole come un segno di vicinanza spirituale a ciascuno di voi, perché, come ho detto durante l’omelia di ieri, durante la festa di San Giuseppe, la vicinanza spirituale, la comunione spirituale tra noi è più forte, più profonda di quella fisica. Oggi siamo chiamati a rafforzare la nostra fiducia nel fatto che la presenza spirituale di Cristo che accompagna la nostra vita è reale.

Vi esorto a testimoniare l'un l'altro attraverso le lettere, attraverso i messaggi su come avete vissuto nella vostra vita la realtà della vicinanza spirituale di Cristo, per arricchire la fede, la speranza e l'amore di tutta la nostra Chiesa.

Il vostro vescovo in Cristo

† Pavel Pezzi


Mosca, 20 marzo 2020

ARCIDIOCESI DELLA MADRE DI DIO A MOSCA
PUBBLICAZIONE ULTIMO DECRETO DEL 20 MARZO 2020


Prikaz_19_03_2020_5_LANGUES[1]-1
Traduzione in italiano
Prikaz_19_03_2020_5_LANGUES[1]-2


Decreto n. 41/20 "Sulla procedura per il culto e altri eventi durante il periodo della pandemia di coronavirus"

In connessione con il Decreto del Sindaco di Mosca n. 21-UM del 16.03.2020, l'introduzione di un regime di allerta elevata nel territorio della città di Mosca, e tenendo conto del peggioramento della situazione in relazione alla diffusione del nuovo coronavirus, visto l'obbligo dei cattolici di prendersi cura non solo del benessere delle loro comunità, ma anche della responsabilità sociale verso la società e il suo bene comune (C.C.C., art. 223), prescrivo per il periodo di tempo fino al 9 aprile le seguenti misure per tutte le parrocchie e le comunità dell'arcidiocesi:

1. I servizi divini, compresa la domenica e le festività, sono consentiti con un numero di partecipanti non superiore a 50 (p yatidesyati). Gli abati che si occupano del servizio liturgico celebreranno un numero sufficiente di Sante Messe per garantire la partecipazione di tutti i visitatori.

2. A tutti coloro che, per questo motivo, non saranno in grado di partecipare ai servizi obbligatori di domenica e festivi, viene data una dispensa da questo dovere (cfr. C.D.C. nn. 87, 1247). Vi chiedo di dedicare tempo, che di solito è assegnato alla partecipazione all'adorazione, alla preghiera per i malati e a coloro che li aiutano. Suggerisco anche di cogliere l'occasione per unirsi alla preghiera della Chiesa che trasmette servizi su Internet.

3. Incoraggio i fedeli ad astenersi (il digiuno) dalla partecipazione fisica ai servizi come un modo per rafforzare la fede, la fiducia in Dio e mostrare solidarietà a coloro che sono privati ​​dell'opportunità della Messa settimanale a causa di epidemia o della distanza.

4. I credenti dovrebbero ricordare che non vi è alcun obbligo di ricevere la comunione ad ogni Messa, mentre allo stesso tempo esiste la possibilità di comunione al di fuori della Santa Messa. I parroci dovrebbero spiegare ai parrocchiani la procedura e il calendario per la Comunione fuori dalla Santa Messa nelle loro parrocchie nei giorni feriali.

5. Le chiese dovrebbero rimanere aperte per la preghiera, l'adorazione, la confessione e la comunione individuali, tenendo conto del numero di partecipanti sopra indicato.

6. Eventuali riunioni, sessioni di catechesi ed eventi culturali sono annullati, ad eccezione dei servizi di culto, indipendentemente dal numero di partecipanti. Ove possibile, le riunioni e le sessioni di catechesi devono essere trasferite in modalità remota.

7. Eventuali eventi, compresi i servizi, vengono annullati all'aria aperta, indipendentemente dal numero di partecipanti.

8. Quando i sacramenti sono celebrati nella chiesa - Battesimo, matrimonio, sepoltura e altri - sono ammessi solo i parenti.

9. Quando si forma una processione per la Comunione o una fila per la confessione, è necessario osservare la distanza di 1 (uno) metro l'una dall'altra e tra le persone in fila, norma raccomandata dai medici sanitari.

10. I sacerdoti devono prendere misure per gli arredi liturgici coprendoli da uno schermo di plastica o altro materiale che costituisca una barriera impermeabile alle infezioni e ne garantisca il corretto risanamento.

11. L'obbligo di confessione annuale e la comunione può adempiersi in qualsiasi momento prima di Pentecoste, pertanto non è obbligatorio confessarsi prima della celebrazione della Pasqua.

12. Restano validi tutti i requisiti stabiliti nella mia lettera del 13/03/2020.

L'arcivescovo Paolo Pezzi,
Metropolita dell'arcidiocesi

Sacerdote Ivan Kolesnikov,
vicecancelliere della Curia


Mosca, 18 marzo 2020


Lettera di Don Giampiero Caruso  alla Comunità cattolica della Cappellania italiana a Mosca
Cappellano_don_Giampiero

Carissimi,

la situazione che si è venuta a creare con la pandemia di coronavirus mi spinge a raggiungere ciascuno di voi con questa lettera.

Credo che non possiamo non domandarci: “che cosa ci chiede questo momento drammatico rispetto alla nostra vita, e di battezzati?” A cosa ci chiama Dio in quanto cristiani attraverso questa prova universale? Che testimonianza siamo invitati a dare? Fin dall’inizio della Quaresima mi sono espresso dicendo che questo tempo, invitandoci alla conversione, ci propone di riprendere consapevolezza dell’evidenza d’essere delle creature, cioè fatti, creati in questo momento da un Altro, per cui dipendenti da Uno che Ama il nostro destino e fedele al suo patto d’Amore. Per poter riscoprire questa Verità elementare occore però il silenzio. La realtà parla nel silenzio. Recita un inno che canto all’inizo della recita delle ore: “Nel silenzio canta il Mistero”. (Inno Lodi: “Prima che sorga l’alba”)

Il mondo si sta fermando! Improvvisamente le nostre abitudini sono state stravolte da un nemico invisibile e terribilmente insinuoso.

È come se il Signore stesse gridando, come griderebbe un padre che vede il proprio figlio in pericolo: “Fermatevi e riconoscete che io sono Dio”. (Salmo 46,10)

Fermatevi! Forse la nostra prima responsabilità è di vivere questa circostanza cercandone un senso. In fondo, il vero dramma che si vive attualmente in molte parti del nostro pianeta non è tanto la pandemia, ma le sue conseguenze nella nostra esistenza quotidiana. Il mondo si è fermato: sport, divertimenti, economia, progetti, vacanze. All’improvviso tutto non è piu’! In Italia e ora anche in altre Nazioni, si è fermata anche la vita religiosa pubblica, la celebrazione pubblica dell’Eucaristia. Qui a Mosca sono impediti tutti i raduni e gli incontri con più di 50 persone (almeno fino a questo momento). È come un grande digiuno, una grande astinenza universale, come per una Quaresima universale.

Credo che questo arresto forzato ci voglia invitare a riscoprire la bellezza del presente, l’istante da vivere ora, la vera realtà del tempo, e quindi anche la vera realtà di noi stessi, della nostra vita. Ciascuno di noi vive solo nel presente, ma spesso siamo tentati di rimanere attaccati a ricordi del passato che non c’è più o in attesa di un futuro migliore che non c’è ancora e forse non ci sarà mai. Nel salmo 46, Dio ci invita a fermarci per riconoscere la sua presenza in mezzo a noi: “Fermatevi! Sappiate che io sono Dio, eccelso tra le genti, eccelso sulla terra. Il Signore degli eserciti è con noi, nostro baluardo è il Dio di Giacobbe.” (Sal 46,11-12)

Il Signore ci sta chiedendo di fermarci; non ce lo impone, ce lo propone. Vuole che ci fermiamo per cercare Lui e restare con Lui liberamente, per scelta, cioè con amore. Non ci ferma con la forza. Vuole che ci fermiamo come ci si ferma davanti alla persona amata, o perchè attratti dalla Bellezza.

Solo così possiamo render conto che Lui, nell’esperienza, per pura grazia, che è la cosa più importante della vita, che nulla può superare.

Fermarci di fronte a Dio significa riconoscere che della sua dolce presenza è gravido l’istante e quindi soddisfa pienamente il nostro cuore, in qualsiasi circostanza e condizione ci troviamo.

Questo è lo scopo e il vertice della preghiera, guardare l’istante presente come guardare il volto di Cristo, Dio fatto uomo.

Fin dall’inizio della Quaresima vi ho invitati durante le mie omelie a ciò cui sempre siamo invitati, cioè, a tenere fisso lo sguardo su Gesù. È la frase che san Paolo ripete per ben due volte nella Lettera agli Ebrei: «Tenete bene fisso lo sguardo su Gesù» (Eb 3,1). E ancora: «Fissate lo sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede» (Eb 12,2).

Tenere fisso lo sguardo su Gesù è un guardare domandando. Mi sembra che il guardare domandando sia come il vertice dell’umano. Penso che anche i papà e le mamme si commuovano molto di più quando il loro bambino guarda domandando di essere voluto bene che non quando obbedisce a qualcosa che loro gli dicono. Questo guardare domandando è come l’espressione suprema di quello che il cuore dell’uomo può compiere.

È per questo che vi invito, soprattutto in questo momento particolare della vita di ciascuno, di riscoprire la belleza della preghiera personale e familiare. Ad esempio, la recita del santo rosario, a Gesù che è presente, che ci conforti, che ci guarisca e ci salvi.

La ss. messa della domenica alle ore 13.30 per il momento continuerò a celebrarla, salvo nuove indicazioni, e allo stesso modo la messa infrasettimanale delle ore 19.30 del mercoledì.

A partire da mercoledì 25.03.2020 e tutti i mercoledì a venire, sarò a disposizione per le confessioni, dopo la ss. messa nella chiesa di San Luigi dei Francesi dalle ore 20.00 alle ore 21.00.

Maria, “vita, dolcezza e speranza nostra”, ci doni di vivere con umiltà e coraggio, offrendo sacrifici per la pace e la gioia di tutti i nostri fratelli uomini!
                                                                                       Don Giampiero

Mosca lì, 17 marzo 2020 - Martedì della III settimana di Quaresima                                                         


Lettera dell'Arcivescovo Paolo Pezzi sull'epidemia di Coronavirus

Mons_Pavel_Pezzi
Cari fratelli e sorelle!

In relazione alla sfavorevole situazione associata al nuovo coronavirus (COVID-19), la cui diffusione secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha raggiunto lo stadio di una pandemia, voglio esprimere a tutti voi la mia vicinanza nella preghiera e la preoccupazione del vescovo, che come padre è chiamato a condividere con i suoi figli ansia e necessità. Il coronavirus non è una maledizione o una punizione da parte di Dio. Tuttavia, in queste circostanze dolorose, Dio ci mostra che non siamo creature onnipotenti, ma al contrario siamo fragili e vulnerabili.

Nonostante tutti i suoi risultati, la scienza non può risolvere il problema della sofferenza, della morte e del male. Dio ci mostra che abbiamo bisogno l'uno dell'altro, che dobbiamo prenderci cura dei nostri fratelli e sorelle, che dobbiamo imparare a vivere accettando Dio stesso nella nostra vita. In questa prospettiva, la Quaresima può essere un buon momento per cambiare il nostro stile di vita e ricostruire relazioni strette in famiglia, specialmente tra genitori e figli...
(Per la lettura integrale, cliccare il link sottostante):
Lettera_Arcivescovo_epidemia_Coronavirus.pdf



III GIORNATA COMUNITARIA 

DOMENICA 29 MARZO 2020


Locandina_pagina_web_News

 
Domenica 29 marzo 2020, si svolgerà la terza Giornata comunitaria della Comunità cattolica italiana a Mosca.
La Comunità cattolica italiana invita, tutti i connazionali presenti a Mosca e gli amici della Cappellania italiana, a partecipare all'incontro dal titolo: "CRISTIANI D'ORIENTE: COME AIUTARLI".
Si starà insieme una mezza giornata dalle ore 13:30 alle ore 17:30. Il momento più importante di questa iniziativa sarà l'ascolto dal vivo della testimonianza di
Fr. Bahjat Elia Karakach, francescano della Custodia di Terra Santa, superiore del convento dedicato alla conversione di San Paolo, la parrocchia principale di rito latino di Bab Touma (centro storico) di Damasco, in Siria.
La sede dell'incontro sarà la Sala Grande della Curia, sita accanto alla Cattedrale cattolica dell'Immacolata Concezione, in Ulitsa Malaya Gruzinskaya 27, a Mosca.

La finalità dell'incontro è quella di individuare insieme e di elaborare un progetto operativo di aiuto concreto ai Cristiani d'Oriente, sostenendo a distanza la parrocchia francescana di Damasco nel far fronte alle varie necessità e ai molteplici bisogni in favore della popolazione locale. Quindi si tratta di aiutare una comunità cristiana composta da persone, da tanti fedeli siriani (famiglie, bambini e anziani) che da tempo la parrocchia francescana accoglie con amore e per i quali essa è un luogo sicuro di riferimento (non solo spirituale) ma anche opportunità per la formazione scolastica e di sostegno economico alle famiglie più disagiate. In questo modo si può aiutare i cristiani d'Oriente a restare nel proprio Paese e ad andare avanti con fiducia e speranza, pur nelle grandi difficoltà della vita, essendo il Paese ancora martoriato dalla guerra.
Conduttore dell'incontro sarà il giornalista
Marc Innaro, corrispondente RAI - Mosca.
Si segnala che l'ingresso all'incontro è libero e si possono invitare amici e conoscenti e quanti fossero interessati a partecipare all'evento.
Infine, l'iniziativa è da divulgare a tutti coloro che volessero sostenere liberamente, con un proprio contributo volontario, il progetto di aiuti individuati e concordati al termine dell'evento stesso.


Programma della III Giornata comunitaria
- Ore 13.30: Santa Messa nella Chiesa cattolica di San Luigi dei Francesi di Mosca (Ul. Malaya Lubyanka, 12/7) concelebrata da Fr. Bahjat Elia Karakach e da Don Giampiero Caruso;
- Ore 14.30: trasferimento in gruppi presso la Sala Grande della Curia della Chiesa Cattolica (accanto alla Cattedrale dell'Immacolata Concezione) sita a Nord-Ovest di Mosca in Ulitsa Malaya Gruzinskaya 27/13;
- Ore 15.15: pranzo comunitario (si chiede gentilmente a ciascun partecipante di portare con se una pietanza ed una bevanda da condividere);
- Ore 16.00: inizio incontro con ascolto della testimonianza di
Fr. Bahjat E. Karakach. La presentazione e la conduzione dell'incontro sarà curata dal giornalista Marc Innaro corrispondente RAI-Mosca.
- Ore 17.30: orario previsto di termine dell'incontro.
Grazie per l'attenzione!


VI ASPETTIAMO NUMEROSI

QUARESIMA 2020

Per la Quaresima 2020 il Papa Francesco ha scritto e pubblicato un messaggio rivolto a tutti i cattolici. Il titolo del messaggio è: “Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio”. Il testo è suddiviso in quattro paragrafi nei quali il Pontefice invita continuamente a riflettere sulla morte e risurrezione di Gesù, “cardine della vita cristiana personale e comunitaria”.

Di seguito, cliccando sul link sotto riportato, potrete scaricare il documento salvato in formato PDF e leggerlo con attenzione.
papa-francesco_messaggio-quaresima2020.pdf

 

ESORTAZIONE APOSTOLICA "QUERIDA AMAZONIA"
Papa_Francesco_scrivente


Mercoledì 12 febbraio 2020, è stata pubblicata sul sito web di Vatican News l’Esortazione Apostolica post-sinodale sull’Amazzonia scritta dal Santo Padre il Papa Francesco.
Il documento traccia nuovi cammini di evangelizzazione e di cura dell’ambiente e dei poveri.
Il Pontefice auspica un nuovo slancio missionario e incoraggia il ruolo dei laici nelle comunità ecclesiali.


Cliccando sul link qui sotto riportato si può scaricare il documento (salvato nel formato PDF) per leggere il suo contenuto integrale.

Esortazione_Apostolica_post-sinodale_di_Papa_Francesco_Querida_Amazonia.pdf

 


"Una comunità che si rinnova costantemente"
 

16(7)

Lettera pastorale dell'Arcivescovo di Mosca.

Il 1° settembre è stato pubblicato sul sito web dell’Arcidiocesi della Madre di Dio a Mosca, il testo integrale della lettera pastorale dell’Arcivescovo Mons. Paolo Pezzi redatta per il nuovo anno pastorale 2019-2020. Il messaggio, dal titolo: “Una comunità che si rinnova costantemente” si compone di varie riflessioni ed esortazioni, rivolte a tutti i fedeli, ai parroci e religiosi della diocesi. Il tema della lettera è incentrato sulla comunità parrocchiale riprendendo le riflessioni e i risultati conseguiti dai gruppi di lavoro della VI conferenza generale sulla pastorale parrocchiale diocesana svoltasi a Vilnius dal 18 al 21 giugno del 2019, dal titolo: “Il futuro delle nostre parrocchie”.

La lettera non vuole essere una riflessione conclusiva ai lavori della conferenza diocesana ma intende “indicare le possibili dimensioni e le aree di attività su cui la parrocchia è chiamata a ricentrarsi se vuole accettare la sfida della nuova evangelizzazione e diventare capace di riformarsi e adattarsi continuamente per diventare sempre più Chiesa che vive tra le case dei suoi figli e figlie, casa tra le case”.

La “trasformazione” e il “rinnovamento” delle parrocchie sono indicate come le priorità, nella consapevolezza che “le nostre parrocchie non hanno bisogno di una rivoluzione che distrugge, ma di una riforma che crea”, né “di sostituire un modello con un altro”. S. E. Mons. Paolo Pezzi spiega bene che il “primo pilastro del rinnovamento della parrocchia è l’incontro con Cristo”, il secondo è “chiamare”, integrando le persone, accompagnandole, ma anche delegando. La comunità parrocchiale è chiamata ad essere poi “famiglia” e in particolare “famiglia di Cristo”, con l’Eucarestia come suo centro.

Nella lettera vengono anche date indicazioni e suggerimenti sulla catechesi per i giovani e per gli adulti, sulla liturgia e i sacramenti e per la buona gestione amministrativa ed economica della vita parrocchiale.


Il testo originale della lettera pastorale è in russo ed è stato tradotto in italiano dalla redazione del nostro sito web della cappellania con l’ausilio di un traduttore automatico disponibile on-line sulla rete Internet. Il testo una volta liberamente tradotto, quindi, è stato riletto e corretto in alcune parti per ridurre gli errori più evidenti di interpretazione del testo dal russo all'italiano. Pertanto, ci scusiamo in anticipo se in qualche paragrafo permangono ancora alcuni errori di lessico e alcune imprecisioni per errata traduzione dal russo, ma nel complesso, il testo finale tradotto si presenta di facile lettura e riesce a far comprendere al lettore il tema trattato e tutti i contenuti dei vari argomenti affrontati ed esposti dall’Arcivescovo nel suo messaggio.

Per la lunghezza del testo originale scritto, da noi riformattato nel carattere e con una nuova impaginazione grafica, vi suggeriamo di scaricare sul vostro dispositivo, computer, tablet o smartphone il file di testo salvato già in formato PDF per poter effettuare una lettura attenta, meditata e completa della lettera pastorale.

.Lettera_pastorale_Arcivescovo_di_Mosca_AP_2019-20.pdf